Pochi giorni fa, sotto un caldo sevillano, alle prese con gli imbianchini che stavano dando una rinfrescata ai nostri uffici, non c’era tempo per tornare a casa a pranzo, ma una pausa era necessaria, indispensabile! Siamo usciti senza avere idee dove andare a mangiare un boccone, cercavamo un posto vicino… di colpo però ci siamo ricordati coi colleghi che qualche metro in più ci avrebbe portato alla Vinería San Telmo, e lì si va sul sicuro. Io avevo, sì, un po’ di fame, data l’ora e il ritmo di lavoro, ma soprattutto si faceva sentire la stanchezza.

Siamo arrivati che ancora non era l’ora di punta, così ci siamo scelti un posto al fresco (cioè dentro); abbiamo ordinato qualche tapas… io avevo chiesto una ensaladilla e quando ho visto atterrare sulla tavola il piatto che vedete nella foto, mi sono rizzata come un fiore che riceve acqua dopo giorni di calura. Era solo una ensaladilla (vicina a quella che in Italia si chiama insalata russa, ma non proprio così), ma la presentazione ti catturava gli occhi per la sua fantasia. Ho mangiato con gusto (era buonissima!), ma ancora prima avevo “mangiato con gli occhi” e questo mi aveva fatta sentire subito meglio.

Alla Vinería San Telmo, non c’è dubbio: sanno fare il loro mestiere!